I VOLTI DESTABILIZZANTI di Sebastian Bienek

40

Destabilizzanti ma al contempo familiari, sono le immagini dell’artista e fotografo Sebastian Bienek, che eclettico e visionario artista dipinge i volti umani e li trasforma, con abile uso del colore e del suo obiettivo, in visi totalmente nuovi e lontani dal reale. I suoi fantasiosi personaggi regalano un senso di inquietudine, e sono densi di carica emotiva.
Come fossero opera dell’immaginazione di un bambino, lasciata libera di agire e completare quello che la mente spesso suggerisce quando diamo ascolto alla sua parte meno razionale, le sue creazioni nascono da un’idea nata per caso, quando il figlio inluenzato aveva messo il broncio. Bienek cercava di farlo sorridere senza successo, così con l’utilizzo di un pennarello ha deciso di completare il lato del suo viso esposto, girato a tre quarti, trasformandolo in un sorriso.

Da lì è nata la serie “Doubledface” (volto raddoppiato) e successivamente “Bi-faced” e “Second-faced“, che sembrano consolidare il suo estro creativo. Sebastian Bienek vive a Berlino dove espone le proprie opere, sia quadri che fotografie, che spesso catturano scene di vita quotidiana e li trasformano in piccoli “Capolavori” dell’immaginazione. Le donne sono diventate nel tempo protagoniste assolute della sua arte, figure femminili con volti doppi, dipinti sul loro stesso viso: un occhio è vero l’altro è finto, i capelli, spostati di lato, incorniciano labbra disegnate con il rossetto e contorni dell’ovale finti, eppure incredibilmente reali.

Quasi a rappresentare la doppia anima della donna contemporanea, che presa nella attività di ogni giorno, è in grado di compiere più attività contemporaneamente: specchiarsi, bere un caffè, fare la doccia, nascondendo un’universo profondo e sensibile. Sebastian Bieniek è un artista di origini polacche, ma di formazione tedesca, operante a Berlino, che si sta imponendo sempre più nel panorama artistico contemporaneo con la forza delle sue opere semplici, irriverenti, divertenti, intime.

[nggallery id=350]

You might also like More from author

Leave A Reply

X