Arte e autismo in mostra a Milano

La forza dell’arte è davvero infinito, la bellezza di un’opera indipendentemente dalla sua natura, stile e forma, ci offre il senso del potere che l’uomo ha sulla bellezza, e come riesca a determinarne il suo controllo. Così è anche per gli artisti affetti da autismo, che malgrado la malattia non si pongono alcun limite o problema nell’esprimere il loro talento e grazia nel rappresentare la bellezza. Fino al prossimo 3 giugno 2018, trenta artisti autistici proporranno le loro opere e creatività originali e uniche.

Questa mostra va oltre ogni possibile immaginazione e ci regala un’occasione per andare oltre i soliti stereotipi, qualcosa che comunemente non si manifesta con la necessaria naturalezza, per cui questa mostra è da visitare proprio perché offre un punto di vista sicuramente migliore e nuovo, con il quale apprezza l’arte.

Sessanta opere per 30 artisti

Tante saranno le opere esposte a questa mostra, un evento che segna un passaggio di svolta per tutte quelle persone affette da questa malattia, un inizio per dare speranza e soprattutto la possibilità a tutti di manifestare la propria passione e talento.

Si tratta di un percorso cognitivo che ci farà riflettere e forse capire meglio alcuni aspetti del talento e della capacità artistica che è innata in ognuno di noi, che quanto vuole manifestarsi, non conosce ostacoli, è dirompente e di grande impatto visivo ed emozionale. Le Gallerie d’Italia, protagoniste di questo evento, offrono visite multisensoriali per visitare l’intera mostra.

Impariamo ad ammirare l’arte senza pregiudizi

Che si siano fatti passi avanti sull’eguaglianza non ci piove, ma che ci sono ancora delle barriere mentali che ostacolano la crescita culturale, è altrettanto vero.

Con questa mostra si sta cercando di avvicinare le persone al mondo dell’arte senza pregiudizi, ma semplicemente partendo dalle opere indipendentemente da chi le ha create, con una forma davvero molto sensibile.

Immagine via:   www.artribune.com

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.