Italianissima: l’arte a cavallo tra le due grandi guerre

308

Fino alla fine dell’anno resterà aperta la grande mostra dell’arte italiana del ‘900, visitabile e allestita presso il MuSa di Salò. Un’iniziativa volta a mostra le opere realizzate da artisti noti e non, tra la fine della prima e l’inizio della seconda guerra mondiale. In mostra anche le opere donate al Museo del Novecento di Firenze, da Alberto della Regione, un cultore del’arte e importante collezionista delle opere di artisti contemporanei.

Tra i capolavori presenti anche quelli di artisti noti come: Birolli, Campigli, Carrà, Casorati, de Chirico, de Pisis, Guttuso, Maccari, Mafai, Manzù, Marini, Marussig, Migneco, Paresce, Prampolini, Rosai e Scipione. Per i visitatori dunque una grande raccolta di opere di rilievo, per un viaggio nel tempo alla scoperta di un’arte che ha i tratti identificativi del periodo in questione.

Un importante momento per l’arte del ‘900

Certamente turbolento quel momento storico, dopo la prima guerra mondiale, il paese era decisamente cambiato culturalmente, ma con una prospettiva di rinascita, che arriva con l’illusione del periodo fascista, che a sua volta terminerà con la seconda grande guerra.

Nelle opere esposte al MuSa, questi tratti a volte tristi e malinconici, altri pieni di speranza emergono fortemente dallo sfondo di ogni tela, un segno inequivocabile del periodo sicuramente sentito dagli artisti che ne vissero sulla loro pelle quei momenti di tristezza misti a euforia.

Pezzi d’autore in mostra

Tra alcune delle opere significative troviamo anche il “Concetto Spaziale” di Lucio Fontana, un “Achrome” imponente realizzato da Piero Manzoni e un misterioso disegno di Alberto Savinio. Tanti i pezzi a disposizione in questa mostra che danno il senso di un periodo storico del paese e delle sue prospettive.

Il percorso esplorativo della nostra si divide in diverse aree: “Ora et labora”, “Il volto santo”, “Paradisi perduti”, “Sacri riti”, “Scenografie urbane”, “Presagi”, “Natura viva” e “Guardami”, un bel percorso, dove ammirare sostanzialmente ogni genere pittorico, di sicuro molto appagante culturalmente.

Immagine via:  www.panorama.it

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X
X