La naturale galleria d’arte sull’albero

Che la natura sia anch’essa forma d’arte è riconosciuto da tutti, anzi, forse è proprio l’espressione d’arte che più di tutti influenza tutte le altre forme, dalla fotografia, alla pittura fino alla musica. Così, in una delle più belle località balneari e naturalistiche messicane, precisamente a Tulum, è nato da poche settimane l’IK LAB, una galleria d’arte del tutto singolare com’è appunto la magica località dove è sorto. La scelta ovviamente non è casuale, per questa galleria naturale è stato scelto un luogo paradisiaco dei Caraibi, dove la bianchissima sabbia si scontra con il turchese dell’oceano.

Si tratta di una struttura che ospiterà opere ma che al tempo stesso è anch’essa un’opera d’arte, la galleria come si può notare dalle foto, offre uno scenario surreale, sembra un’entità vivente oltre che del tutto naturale. Un progetto che coniuga arte, natura ed eco-sostenibilità, ma non è tutto, perché la direzione di questa galleria è affidata al pronipote della famosissima Peggy Guggenheim, Santiago Rumney Guggenheim.

Un progetto visionario

Oltre ad avere un nome come Guggenheim nel suo organico, questo progetto è nato dall’idea di Jorge Eduardo Neira Sterkel, proprietario e CEO del resort Azulik, infatti, la galleria riprende lo stile di realizzazione della casa sull’albero in versione wild e luxury del suo complesso turistico. Infatti, l’IK LAB si trova al centro del resort, realizzato su un albero da poi vita alla galleria nel suo insieme, un’idea d’interpretazione dell’arte e soprattutto nel modo di esporla che la rende quasi mistica.

La galleria di fatto, prende vita ispirandosi alla natura che circonda la zona dove sorge lo stesso resort, la parte esterna quanto quella interna sono l’essenza del naturale, dove il legno ovviamente è protagonista. I visitatori sono invitati a entrare scalzi per meglio intraprendere il percorso misto tra arte e natura, il pavimento in legno è senz’altro molto stimolante.

Arte e spiritualità

Il concetto di base è la natura, come fosse un inno o celebrazione della stessa, ma non mancano i connotati per un po’ di misticismo e spiritualità, del resto l’arte combinata con la natura non può che creare emozioni forti e intense.

La galleria ha già avuto un buon successo, in questo momento ospita la mostra di Artur  Lescher, Margo Trushina  and Tatiana  Trouvé nella mostra Alignements, quindi possiamo dire che, è nata una nuova “stella”.

Immagine via:  www.iklab.art

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.