MILEY CIRUS COLPISCE ANCORA

Miley Cyrus è riuscita nuovamente a far parlare di sè, sarà infatti coinvolta in prima persona nell’edizione 2014 della New York Fashion Week. La cantante, ha deciso di esporre alcune opere d’arte create da lei stessa e delle quali sembra andare particolarmente fiera. Tra gli oggetti utilizzati orsacchiotti, gioielli e anche… un vibratore. Ebbene sì. Il titolo dell’esposizione è infatti “Dirty Hippie” e sarà mostrata il prossimo 10 settembre durante la sfilata dello stilista Jeremy Scott. La personale della cantante si sposterà poi nella galleria espositiva di V Magazine, rivista per la quale ha di nuovo recentemente fatto da modella, nella galleria in Mercer Street, sempre a New York.

La popstar ha così spiegato proprio in anteprima a V Magazine la sua nuova iniziativa, come di consueto estremamente provocatoria: “Forse sembrerà stupido da dire, ma sento che la mia arte è una specie di metafora della mia vita. Perché continuavano a succedermi cose brutte. E io sono sempre stata così fottutamente fortunata. Tutto è sempre stato facile per me. Mentre all’inizio di quest’anno. Ho odiato il 2014 perché tutto quello che poteva andare male lo faceva di continuo. Sono stata in ospedale, il mio cane è morto. Tutto continuava a trasformarsi in merda. Allora ho cominciato a prendere queste cose brutte e a trasformarle in buone, ho deciso di utilizzarle. Mio fratello e i miei amici mi hanno detto che a loro è sembrato così. E così ho iniziato a fare arte. Avevo un po’ di robaccia e invece di lasciare che restasse immondizia l’ho trasformata in qualcosa che mi rendeva felice.”

E sempre durante la Fashion Week newyorkese Miley è tornata a far scandalo per essersi presentata al party di Alexander Wang con uno dei suoi soliti look, caratterizzato unicamente da un paio di pantaloni neri e copricapezzoli (oltre a dei grossi occhiali stravaganti). Ora non resta che attendere la sfilata di domani e scoprire quali inattese stravaganze riserverà per il suo pubblico.

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.