LE STRADE DIVENTANO ARTE, nella serie di Davide Luciano e Claudia Ficca

Buche e crepe stradali, tanto odiate da automobilisti, centauri e ciclisti di ogni città, diventano protagoniste di una bellissima serie di scatti ideati da Davide Luciano, fotografo e filmmaker nato a Montréal, in Canada, e ora residente a New York.
Sulle strade di queste due città e di altre come Toronto e Los Angeles, Luciano, con la collaborazione della moglie, la food stylist di origine italiana Claudia Ficca, ha allestito alcuni originalissimi set fotografici per trasformare le irregolarità del manto stradale in scene surreali.

Il duo artistico è riuscito così a dare un volto più nobile alle strade che spesso si presentano dissestate.La coppia, prima di allestire i set fotografici, ha cercato le buche più grosse immaginandone un utilizzo alternativo per ognuna di esse: una insalatiera per gli spaghetti, un cestello per tenere in freddo lo champagne, un tino per pestare l’uva e farne mosto, una friggitrice per cuocere le ciambelle e così di seguito.
L’idea della serie, chiamata “Photoles”, è nata quando il fotografo e la moglie hanno centrato con la loro auto una grande buca a Manhattan, come raccontato da Luciano: “Abbiamo iniziato a lamentarci di quante ce ne fossero in città. E poi abbiamo riso all’idea che una donna, per quanto sono grandi, potrebbe lavarci addirittura i panni”. Un’immagine che è stata seguita, nel giro di poche ore, da idee per altri possibili scene.

“Non è stato facilissimo effettuare gli scatti, soprattutto a New York dove ovviamente tutte le strade sono molto trafficate – aggiunge Luciano. Arrivavamo sul posto già pronti e organizzati. Tutti sapevano cosa dovevano fare. E approfittando dell’assenza temporanea del traffico andavamo in strada. Dovevamo fare in fretta: per ogni immagine non abbiamo impiegato più di 10 minuti”. Luciano e la moglie ora sognano l’Europa: “Vorremmo fare lo stesso lavoro anche nelle grandi città europee. e alla fine pubblicare un libro con tutti gli scatti”.

 [nggallery id=173]

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.