UN VIAGGIO SURREALE attraverso le immagini di Gray Malin

Conduce lo spettatore verso un viaggio vivido e surreale, il fotografo Gray Malin, con i suoi scatti colorati, ironici, vitali. Alla continua scoperta di luoghi nuovi, l’artista si sposta facilmente da una parte all’altra del globo, Antartide, Italia, Melbourne, San Francisco, Londra, Rio De Janeiro, solo lui e la sua camera al collo. Il giovane fotografo americano appena ventisettenne, apprezza in particolar modo le visioni dall’alto, catturando soggetti apparentemente banali da un’angolatura privilegiata in grado di conferire un senso di straniamento ai suoi scatti.

Ed è proprio la sua visione, così particolare, che permette alle immagini di mostrare nuove forme, geometrie e combinazioni di colori: ciò che da vicino sembra disordinato acquista infatti un ordine se osservato da un punto di vista diverso. Come un pittore Gray Malin riorganizza i bagnanti, i turisti e gli sciatori, e li dispone a proprio piacimento in un nuovo quadro.

Cogliendo attimi di vita spesierati ed allegri il fotografo, mostrando una vera e propria passione verso i bei momenti. L’artista ha dichiarato in merito al mezzo fotografico: “La fotografia è una celebrazione visiva di colori luci e forme”. “Una semplice spiaggia per me diventa una tela” . Malin collabora con varie Gallerie di Los Angeles e San Paolo. A Los Angeles ha fondato lui stesso una Società di fotografia, “Maison Gray: the House of Gray Malin Phorography”. Il suo portfolio completo è disponibile sul sito personale dell’artista.

gray gray1 gray3 gray4 gray5 gray6 gray7 gray8

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.