VerdeMura 2014: inizia la primavera all’insegna del giardinaggio

Torna la primavera e sulle mura di Lucca sboccia la voglia di giardinaggio, dei fiori, dei colori e della gioia di coltivare e condividere i piaceri dell’orto, del giardino e del terrazzo dove le piante ci offrono con grande generosità la bellezza ed il contatto con i ritmi e i segreti della natura. Basta anche solo lo spazio di un davanzale, un vaso, qualche seme per partecipare alla grande festa del risveglio della bella stagione.

VerdeMura – mostra mercato del giardinaggio e del vivere all’aria aperta –  giunta alla sua settima edizione si svolgerà il 4, 5 e 6 aprile 2014 aprendo la serie delle grandi mostre mercato italiane del verde, con attenzione per l’accoglienza la qualità dell’offerta culturale e con la consapevolezza di diffondere al grande pubblico i valori della biodiversità, della botanica, dell’orticoltura e della grande tradizione italiana nel settore rappresentata dai vivaisti italiani più competenti e specializzati.

Oltre 100 espositori di piante, fiori, bulbi, arbusti, alberi, antiche e nuove cultivar, attrezzi e accessori per il giardinaggio, per l’orto e per la vita all’aria aperta accompagnati da alcune eccellenze enogastronomiche territoriali, il tutto disposto in un ambientazione di grande fascino: le mura di Lucca, con la loro passeggiata sopraelevata,  i prati, i passaggi, i baluardi e le cannoniere che difesero per secoli l’indipendenza dell’antica città Stato. La mostra mercato si estenderà dal baluardo San Martino, Porta Santa Maria fino alla piattaforma San Frediano luoghi che nella scorsa edizione hanno accolto nei tre giorni della manifestazione più di 14mila presenze, appassionati e visitatori provenienti da tutta Italia.

Due mostre tematiche illustreranno le Camelie e le Viole – La mostra di fiori delle camelie della lucchesia ci porterà a scoprire le antiche cultivar di Camellia japonica custodite nei giardini segreti della città e nei parchi delle ville lucchesi: una collezione infinita di forme e sfumature del fiore più amato nel Risorgimento italiano che ha trovato a Lucca una seconda patria. La mostra curata da Andrea Antongiovanni del vivaio Rhododendron di San Ginese di Compito (Capannori) che prosegue una gloriosa tradizione locale nel settore, sarà l’occasione per la presentazione di tre nuove selezioni dedicate a due protagoniste indiscusse del giardinaggio italiano la Camellia ‘Francesca Marzotto Caotorta’ e  Camellia ‘Emanuela Rosa-Clot’ mentre la terza la Camellia ‘Bella di Lucca’ è dedicata alla città in occasione dei 500 anni dalla fondazione delle mura. Proseguiranno infatti fino a tutta l’estate le manifestazioni che celebrano il mezzo millennio del monumento più amato e frequentato di Lucca.

L’altra mostra tematica riguarderà una delle principali protagoniste della primavera: la Viola. Sarà allestita una colorata esposizione delle molteplici specie botaniche cultivar di questa pianta, generosa, semplice e sgargiante. Le viole rappresentano in natura un grande genere botanico che raccoglie circa fra le 500 e le 600 specie differenti diffuse in tutte le zone temperate del mondo e nelle zone montane dei paesi tropicali. Le varietà europee e asiatiche come la V. tricolor, V. lutea, V. cornuta e V. altaica sono state selezionate ed ibridate a partire dai primi anni dell’Ottocento per ottenere cultivar dai fiori vistosi e coloratissimi, quelle che chiamiamo genericamente Pensées o Viole del pensiero. Le viole rappresentano oggi una delle prime produzioni florovivaistiche mondiali per quantità di piante prodotte.

Le conferenze – Oltre ai laboratori pratici offerti dagli espositori a completare il panorama della manifestazione ci saranno gli incontri organizzati nella sala centrale del castello di Porta Santa Maria che spazieranno dalla presentazione di alcune novità editoriali, alla discussione delle tecniche per un giardino eco-sostenibile,  a un innovativo progetto di divulgazione del patrimonio culturale e storico botanico tramite le nuove risorse web e smartphone fino all’introduzione del tema che caratterizzerà le prossime edizioni di Murabilia (la sorella di settembre di VerdeMura): le piante cibo del mondo. Le piante alimentari costituiscono il patrimonio biologico più importante e ricco dell’umanità garantendo il sostentamento dell’uomo e la risorsa strategica per un futuro sostenibile, per la conservazione del pianeta e delle identità culturali.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.verdemura.it

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.