DISASTRI NATURALI, nelle grandi opere di Manabu Ikeda

 

Stile pittorico giapponese, surrealismo e soprattutto una cura “maniacale” del dettaglio caratterizzano le grandi opere murarie dell’artista Manabu Ikeda in cui protagoniste sono città invase dai rifiuti e disastri naturali la cui realizzazione richiede a volte perfino anni. Si tratta di immagini in cui colpisce una grande attenzione verso la natura, in un’epoca in cui l’umanità sembra non rendersi ormai più conto di come alcuni atteggiamenti ma soprattutto la poca attenzione (ne è esempio lo smaltimento dei rifiuti) stiano distruggendo lentamente il nostro pianeta.

A partire da una bozza da cui viene ispirato, l’artista segue il proprio istinto costruendo ogni singolo frammento come fosse figlio dell’ispirazione momentanea, facendo si che il risultato finale diventi una sorpresa anche per lui. Osservando i suoi lavori si percepisce una grande pazienza nella resa dei particolari, nonchè il desiderio di raggiungere a proprio modo la perfezione nella composizione.
Le opere di Ikeda sono in gran parte esposte alla Japan Society di New York, e nel tempo sono state spesso associate a profezie.

Quel che colpisce maggiormente nel suo stile creativo è la capacità di ottenere delle illustrazioni estremamente ricche, l’abbondanza di dettagli rende infatti queste grandi illustrazioni vive ed in continuo mutamento.
Come fossero ramificazioni visive in cui perdersi, allo stesso modo le sue immagini catturano lo sguardo e lo portano a perdersi tra le linee ed i colori, immergendosi completamente in un mondo in cui la natura è protagonista assoluta.

[nggallery id=404]

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.