I FRAMMENTI DI MEMORIA dell’artista Daniele Villa

Ricerca armonie instabili tra frammenti di memorie acquisite, distrutte e ricomposte in una forma onirica di impronta diaristica attraverso il collage e l’assemblaggio, l’artista visivo che vive e lavora a Roma, Daniele Villa.  Il collage, è per lui un approccio un modo di affrontare l’arte al pari del montaggio, dell’associazione, a volte della narratività che è molto vicina al cinema, specialmente quello delle origini.

Il suo background cinematografico, lo porta a curare libri intervista con cineasti come Otar Iosseliani, Takeshi Kitano (con la casa editrice Ubulibri), e Terrence Malick (di prossima pubblicazione con la britannica Faber and Faber) e a fondare una casa di produzione, la Citrullo International, con cui realizza dal 2001 al 2011 documentari creativi. Ha recentemente prodotto il documentario The Dark Side of the Sun, presentato nel 2011 al Festival Internazionale del Film di Roma. Dall’incontro con cineasti e creativi, Villa ha avuto modo di percepire una prospettiva etica dell’arte e della vita che si riflette in tutta la sua ricerca artistica. Nella sua performance “Synchronotopy”, l’artista rende visibile la vicinanza tra la dimensione intima del collage e quella collettiva della proiezione cinematografica.

Il progetto, presentato ai festival Imaginarius (Santa Maria da Feira, Portogallo) e Festival Uličnih Svirača (Novi Sad, Serbia), è stato concepito con il polistrumentista serbo Aleksandar Caric ZAR, cui è legato da una felice e pluriennale collaborazione.
Villa ha una visione molto precisa dell’arte e del cinema che definisce con queste parole” Il cinema nel suo costruire modelli visibili di mondi, di vite, di relazioni implica in sé una grande responsabilità da parte di chi crea; come l’architettura, può influire sulla vita di una intera comunità di persone, per molto tempo. Forse c’è una differenza con l’arte che può essere a volte anche silente, privata, meno ideologica, effimera in alcune sue manifestazioni, più innocua – anche se intimamente non credo sia così.”

 [nggallery id=193]

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.