PASSIONE PER L’ANTICO E SIMBOLISMO, nelle opere di Imma Visconte

Ricercata passione per l’antico (evidente nell’utilizzo di sfondi a mosaico ed elementi legati alla scultura medievale), stupore verso una natura apparentemente ostile ed impostazione geometrica, simmetrica e proporzionale, il tutto in un contesto ricco di tensione emotiva.
Le opere della giovane artista Imma Visconte, sono tutto questo e molto di più. Nata in provincia di Caserta nel 1974, ha conseguito la maturità artistica, si è laureata in architettura e da allora lavora nel mondo dell’arte muovendosi dalla città natale a Milano.

La sua ricerca creativa è spinta dalla necessità di raccontare in ogni quadro una storia diversa, utilizzando come ispirazione primaria i propri interessi personali. Tutte le sue opere contengono chiari riferimenti al simbolismo, le tematiche sono infatti spesso legate alla pietra, elemento primordiale, levigata dall’acqua e segnata dallo scorrerede tempo. Il tutto ottenuto attraverso l’utilizzo di monocromie piuttosto scure, in grado di risaltare le forme, i pieni e soprattutto i vuoti, che sembrano ingrandirsi verso l’ignoto.

Sono numerose le opere in cui compaiono capitelli dei chiostri esculture delle facciate di cattedrali, elementi creano nella mente dello spettatore riflessioni su immagini oniriche ed inconsce. infine il corpo umano, nudo o vestito, diviene portavoce di parole non dette e materializzazione di pensieri intimi. La pelle, massa luminosa , si propone come una distesa di colore da accarezzare con gli occhi e la luce, quasi teatrale, crea atmosfere di sospesa immobilità e di raccolto mistero. L’artista, utilizza una tecnica che opera per velature, nella ricerca del particolare quasi perfetto, una “lotta” con le proprie capacità, i propri limiti, nella pazienzadei tempi lunghi che non sono altroc he un momento di riflessione con se stessi.

[nggallery id=223]

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.