“IL SANGUE DIPINSE LE TERRE E I MARI DI ROSSO”, l’installazione di Paul Cummins

A 100 anni da quel 4 agosto 1914, in cui la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Germania decretando così la sua entrata nella Prima Guerra Mondiale, l’artista ceramista Paul Cummins ha realizzato un’installazione sulla Torre di Londra dal titoloBlood Swept Lands and Seas of Red, tradotto “Il sangue dipinse le terre e i mari di rosso“, per commemorare le morti di 888246 soldati inglesi.
Cummins ha creato, con l’aiuto di 50 collaboratori ed assistito dallo scenografo Tom Piper, per ogni soldato perito, un papavero di ceramica, ognuno dei quali è stato piantato nel fossato (ora asciutto) della Torre, a rappresentare il sangue e il sacrificio durante i combattimenti.

Per la Gran Bretagna la prima guerra mondiale iniziò nell’agosto del 1914 e si concluse quattro anni dopo, con una società allo sbando, imperi e paesi distrutti, l’ordine politico sovvertito ed oltre nove milioni di morti. Cento anni dopo, Londra ricorda la guerra e le persone in essa coinvolte, cercando di conciliare opposte visioni: da un lato, l’eroismo e il valore di chi vi prese parte, dall’altro, i motivi e le ragioni politiche e nazionali per cui quella la guerra fu combattuta. Per chi si trova in città, mostre, conferenze ed eventi, aiutano a fare luce sull’impatto del Primo Conflitto Mondiale e sulla sua eredità. Alla Guildhall Library, in programma mostre ed eventi per ricordare la Guerra e al momento espone memorie, lettere, medaglie e altri effetti personali di individui che presero parte al conflitto.

Il titolo dell’installazione è tratto da una poesia di un soldato sconosciuto e l’opera crescera’ ogni giorno, con l’obiettivo di raggiungere 888.246 papaveri, l’ultimo dei quali sara’ piantato l’11 novembre 2014.
I papaveri sono disponibili per l’acquisto al costo di 25 sterline e il 10% delle vendite sarà devoluto in beneficienza.

[nggallery id=248]

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.