LA THAILANDIA attraverso lo sguardo di Miti Ruangkritya

Dal 2006 documenta gli avvenimenti e gli scossoni politici tailandesi, prendendo in contropiede le regole del fotogiornalismo, Miti Ruangkritya, giovane fotografo tailandese, si concentra di volta in volta sui manifesti elettorali strappati o comunque alterati con scritte e disegni, sui fotomontaggi che circolano in rete e, negli ultimi tempi, sugli accessori usati o indossati dai manifestanti, grandi consumatori dell’inverosimile mercato di prodotti commerciali che sfruttano i colori della bandiera tailandese. Ogni suo progetto fotografico parte da un problema che colpisce e sconvolge gli ambienti e la vita delle persone.

Ruangkritya diffonde le immagini in piccole pubblicazioni autoprodotte, numerate e firmate, disponibili anche sul suo sito. È una forma di guerriglia visiva, analitica e ludica. Il suo lavoro si sviluppa soprattutto nel settore documentaristico, non con il taglio da reporter giornalistico.
L’artista, nato nel 1981 in Thailandia ha studiato fotogiornalismo alla University of Westminster ed ha partecipato con le sue opere a numerose Mostre e Festival Internazionali, vincendo il primo premio alla Fondazione Magenta come Emerging Photographers (UK). Ha esposto alla Biennale di Venezia del 2012 con il progetto IMAGINING FLOOD, in cui ha raccontato la paura degli abitanti e i paesaggi senza vita di notte, quando Bangkok , città di 12 milioni di abitanti, è stata colpita da un tremendo uragano.

Attraverso le sue immagini ha raccontato di Palazzi e Pagode lambiti, quasi per magia, dall’acqua, con contrasti di luci ed ombre da favola. Quartieri deserti, mercati vuoti, stazioni di benzina abbandonate, rappresentate però senza la drammaticità e l’alienazione che questo passaggio ha lasciato, l’artista è infatti riuscito a conferire ad ogni suo scatto, la sensazione, di poesia e tranquillità di chi ha accettato tutto questo nella speranza di una rinascita che solo gli orientali sanno vivere. Il fotografo ha partecipato a numerosi festival tra cui Arles, Noorderlitch e Singapore Photo. Attualmente fa parte degli artisti emergenti esposti presso la Galleria Bangkok University e sta lavorando al progetto Thai Political, la grande protesta iniziata a Bangkog nel 2006, in cui saranno colti gli atteggiamenti ed i cambiamenti politici e la speranza del cambiamento.

[nggallery id=291]

Per informazioni visitare il sito SPAZIO ANNA BREDA e http://www.artedesignshop.com/

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.