2018 anno del cibo italiano

Inizia proprio così il nuovo anno, sotto la stella del buon cibo italiano che caratterizza ogni Regione d’Italia, con le sue tradizioni e usanze culinarie tramandate nei secoli. Un’iniziativa che ha coinvolto molti settori e ambienti oltre a quello squisitamente legato al cibo, infatti, l’account social del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo hanno pubblicato immagini rappresentative dell’arte associata al cibo, postando una cinquantina di poster digitali che raffigurano la stele di Karo al Museo Egizio di Torino, la Cena con sponsali di Gherardo delle Notti, la Natura morta con tanto di peperoni e uva di Giorgio De Chirico.

@museitaliani - Instagram
@museitaliani – Instagram

Anche le sculture hanno un ruolo rappresentativo come quella di Darren Bader al Museo Madre di Napoli comprese le affissioni pubblicitarie conservate al Museo Salce di Treviso. A quest’anno dedicato al cibo, certamente, non poteva mancare una delle opere più famose di Leonardo, l’Ultima Cena, ovviamente in tutto questo ritroviamo anche i famosi affreschi di Pompei, come le opere della natura morta della Villa Medicea di Poggio a Caiano e molti dipinti della grande Scuola Napoletana.

Cibo e arte

Per questo 2018 non sappiamo, dove inizia l’uno e finisce l’altro, la pittura, scultura, architettura ecc … sono arti che fanno parte del patrimonio artistico e storico di un’Italia che li ha tramandati nei secoli, così come la tradizione culinaria e del cibo, che in tempi più recenti è divenuta anch’essa arte.

Il tutto porta a sottolineare che l’Italia ancora oggi è la culla dell’Arte, che nel tempo è riuscita a costruire un importante status che ha coinvolto ogni aspetto sociale, figurativo, artistico e produttivo del nostro paese.

Sarà un buon anno per il turismo

Questa iniziativa offrirà un’ulteriore stimolo per il turismo in tutta la penisola, infatti, la campagna si concentra anche sulla sensibilizzazione e l’invito a visitare oltre 420 musei nazionali, i siti archeologici e ogni luogo di cultura del paese.

Il 2018 sarà l’anno in cui il Cibo Italiano offrirà un valore aggiunto e promuoverà la commistione tra cibo, arte e paesaggi, quale migliore offerta turistica del paese. Un’evoluzione del cibo legata al gusto, che per essere realizzata ha bisogno di chef e conoscitori delle materie prime, grazie alle quali creano opere meravigliose che si lasciano esplodere in bocca! I turisti apprezzeranno.

Immagine via: www.ilsole24ore.com

Lascia una risposta