FIABESCHE ED ARTIGIANALI le creazioni di Valentin Loellmann

Artigianalità e istintività, sono i segni distintivi di Valentin Loellmann, designer tedesco di 30 anni, nato e cresciuto in una famiglia di artisti.
Fin da piccolo ha dimostrato uno spiccato estro creativo, in particolare nel modellare oggetti con le mani e dopo essersi iscritto all’Accademia di Belle Arti a Maastricht ha iniziato a creare da subito le prime opere, ancora studente.
Spinto del desiderio di far rivivere le forme dei mobili della sua infanzia, ha infatti realizzato una collezione chiamata “Memorie passate”, evocativa e nostalgica, a tal punto interessante da venire acquistata subito da Anthropologie per la mostra Kunst al Rockefeller Center di New York nel 2010.

Valentin viene ispirato nell’ideazione delle sue creazioni da situazioni e sentimenti sempre diversi, tutto quello che lo circonda gli permette di scoprire nuove prospettive e stimoli impensati. Nell’era della digitalizzazione, le mani restano lo strumento prediletto di Loellmann, che raramente si affida a collaboratori, rendendo il suo percorso creativo del tutto personale.  Anche se potrebbe sembrare poco commerciale, il suo lavoro non lascia certo indifferenti: gli scrittoi presentati alla PAD Arts&Design di Londra lo scorso autunno sono stati infatti premiati come “Best contemporary design piece”.

I suoi oggetti affascinano per l’aspetto fiabesco e quasi fragile della struttura esterna che contrasta con la robustezza dei legni nautici che usa per l’interno, utilizza i materiali quasi come fossero organismi viventi. La fusione di vari elementi dà vita alle caratteristiche intrinseche del pezzo, e l’atto di creazione dell’oggetto corrisponde ad una vera e propria “nascita”.  Nelle sue creazioni riesce a mettere in relazione passato e presente, vecchio e nuovo, naturale e artificiale, aprendo la mente al nuovo e al meraviglioso.

[nggallery id=213]

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.