Ennio Morricone, da uomo a oltreuomo

Ripercorrere la vita di una figura complessa come quella di Ennio Morricone non è cosa facile, si tratta più che di un racconto da uomo a uomo, da uomo a oltreuomo. Nato nella Capitale fra i primi decenni del ‘900, vive e stravolge il Secolo Breve.

Ennio Morricone e Sergio Leone, una storia da uomo a oltreuomo

La passione giovanile di Ennio Morricone è la tromba, che lo porta a coltivare per anni questo strumento a fiato, conseguendo il diploma presso il Conservatorio di Santa Cecilia. Le conferme della sua spiccata creatività artistica non tardano ad arrivare: già nel 1961, a soli 38 anni è il più giovane maestro a dirigere l’orchestra del Giugno della Canzone Napoletana, ma la vera svolta arriva con la collaborazione fra Morricone e Sergio Leone.

Sergio Leone ed Ennio Morricone erano compagni di scuola elementare, è così che inizia la conoscenza fra i due. Nel 1964 la prima colonna sonora per Leone prende vita, si tratta dell’indimenticabile motivo che accompagna Per un pugno di dollari. Sempre del filone spaghetti-western anche le celebri colonne sonore di Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto e il cattivo e C’era una volta il West.

Arriviamo all’apice della fama per Ennio Morricone nel 1984, quando nasce una delle colonne sonore più celebri della storia del cinema: C’era una volta in America. Sergio Leone commissionò con tale anticipo la colonna sonora ad Ennio Morricone, che venne ascoltata sul set già durante le riprese.

Il Premio Oscar alla carriera, una vita per l’arte

La carriera di Ennio Morricone si intreccia poi nella vita privata con altre intense personalità del panorama culturale e artistico contemporaneo come la celebre pittrice Eva Fischer e il compositore Bruno Nicolai. Sentimentalmente invece si lega alla moglie Maria, dalla quale avrà quattro figli, di cui due intraprenderanno la carriera artistica.

I premi ricevuti nell’arco della vita da uomo a oltre-uomo di Ennio Morricone sono moltissimi. Il primo Nastro d’argento arriva già nel 1965 con Un pugno di dollari, mentre nel 1979 la prima nomination per gli oscar con I giorni del cielo. Negli ultimi anni della sua celebre e lunga vita gli viene conferito il Premio Oscar alla carriera, nel 2007, “per i suoi magnifici e multiformi contributi nell’arte della musica per film”.

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.