PROPAGANDA

The Art of Political Indoctrination Opere dalla Fondazione Massimo e Sonia Cirulli

Fondazione Cirulli è lieta di annunciare la collaborazione con Casa Italiana Zerilli-Marimò di New York University nell’organizzazione della mostra documentaria Propaganda. The Art of Political Indoctrination, realizzata grazie al prestito di un cospicuo numero di opere provenienti dall’archivio della Fondazione. La mostra intende analizzare i meccanismi della propaganda politica attraverso lo studio della storia italiana del Ventesimo secolo. Particolare attenzione è dedicata al regime fascista, con documenti, manifesti ed opere d’arte del Ventennio, più una serie di opere ai margini di questo periodo storico che aiutano a contestualizzare il percorso espositivo.

 

Gli anni tra il 1922 e il 1943 (seguiti dal tragico biennio 1943-45 della Repubblica Sociale) costituiscono l’epoca più controversa e drammatica della storia italiana moderna, e l’uso della propaganda messo in atto dal regime fascista è un caso emblematico nello studio delle dinamiche politiche totalitarie.

 

La mostra illustra come il regime mussoliniano sia riuscito a fare leva sull’arte moderna, la comunicazione di massa, le tecniche pubblicitarie e la cultura popolare per manipolare la società e attrarre un vasto supporto per le proprie imprese dittatoriali. Considerate nella loro varietà, la propaganda emersa dal fascismo, così come quella emersa dai primi due decenni del Novecento e dalla neonata democrazia del secondo dopoguerra, ci offrono l’opportunità di decostruire la retorica della comunicazione politica nel suo insieme e ci permettono di osservare con rinnovato spirito critico la moltitudine di voci e narrazioni politiche in competizione tra loro, che oggi ci circonda.

LE SEZIONI IN MOSTRA
BURATTINAIO O BURATTINO?
Raccogliere consensi attorno alla figura di un leader forte è una strategia
tipica della propaganda totalitaria. In Italia, tra le due guerre mondiali, questo
culto della personalità si focalizzò sul “Duce” Benito Mussolini, uomo-forte
per antonomasia, fondatore del partito fascista italiano e primo ministro tra
il 1922 e il 1943. Mussolini, un abile oratore con notevoli doti istrioniche,
costruì la propria immagine pubblica facendo leva sui suoi lineamenti
fisiognomici al limite della caricatura, su una serie di motti memorabili e sulle
sue presunte imprese temerarie. La macchina propagandistica del regime
fascista fece ampio uso dei mass media e delle tecniche di riproduzione di
massa, trasformando il ritratto di Mussolini in un’immagine onnipresente sui
cartelloni pubblicitari e nei giornali. Le frasi ad effetto che Mussolini
pronunciava nei suoi discorsi venivano riprodotte sulle pareti degli edifici
pubblici, mentre le adunate a sostegno del regime prevedevano spesso la
costruzione di scenografie architettoniche effimere, erette in suo onore.
Questa abbondanza iconografica e semantica certamente contribuì ad
aumentare la percezione del potere di Mussolini; di contro, l’immagine
coordinata del grande burattinaio d’Italia rivela anche come la figura del
Duce funzionasse a sua volta come una marionetta, soggetta alle regole che
governano le mascotte commerciali di successo, le celebrità e gli slogan
pubblicitari.
PRIMA E DOPO IL FASCISMO
La propaganda politica non è appannaggio esclusivo dei regimi totalitari: le
forze democratiche sono egualmente in grado di sviluppare un efficace
indottrinamento politico attraverso narrazioni accattivanti. Molti dei
messaggi politici proposti dalle ideologie liberali e democratiche si fondano
sulle stesse tecniche retoriche utilizzate dai burocrati di regime e dagli
esperti di marketing: appelli drammatici su temi di grande carica emotiva,
uso di frasi brevi e memorabili, derisione dell’avversario, presentazione
selettiva di informazioni, ricorso a immagini forti e paradigmatiche.
I decenni che precedettero e seguirono il regime fascista furono epoche
turbolente: Il Regno d’Italia, una monarchia costituzionale a capo di una
società ancora largamente agricola, passò i primi due decenni del ventesimo
secolo alle prese con le forze dirompenti dell’industrializzazione, lo sviluppo
della politica di massa e l’ascesa delle ideologie socialiste. Per contro, la
giovane Repubblica Italiana nata dalle ceneri della Seconda guerra mondiale
affrontò le sfide di una ricostruzione economica di massa e la necessità di
promuovere una riconciliazione sociale, il tutto nel teso clima ideologico della
guerra fredda. La propaganda di queste epoche presenta una serie di
ulteriori sfumature che permettono di capire come le forze politiche, ieri
come oggi, guadagnino il consenso delle masse.
POLITICA E AFFARI
Il governo fascista ebbe un ruolo chiave nello sviluppo dell’economia italiana
degli anni Venti e Trenta. La dottrina corporativista del regime, sostituitasi
al libero sindacato, influenzò i rapporti di lavoro nelle grandi fabbriche,
mentre l’intervento statale in settori strategici dell’economia comportò
frequenti interazioni tra le imprese private e i burocrati del governo. Non è
dunque una sorpresa il fatto che molte aziende italiane giunsero a
compromessi con il regime, nella speranza di ottenere favori politici. In
aggiunta, vista la popolarità del fascismo presso la piccola borghesia e la
nascente “società dei consumi”, i riferimenti a Mussolini, ai motti e ai simboli
del regime divennero un importante stratagemma nella promozione di
prodotti destinati al consumo.
Il risultato di queste sinergie è che la veste grafica delle pubblicità
commerciali dell’epoca rivela notevoli continuità con la propaganda politica
coeva. Le parole che si ritrovano nelle campagne pubblicitarie si allineano alla
retorica populista del regime, abbinando la promozione di un prodotto a frasi
che evocano la memoria delle politiche e dei protagonisti del fascismo.
IL CONTROLLO DELLA VITA QUOTIDIANA
Indipendentemente dall’età e dal genere, ogni persona aveva un ruolo da
ricoprire all’interno del “laboratorio” bio-politico del regime fascista.
L’ideologia del fascismo doveva penetrare ogni aspetto della vita privata e
pubblica, dalla culla al pensionamento. Tra le strategie adottate dal regime
per ritagliarsi uno spazio nella vita quotidiana dei cittadini italiani vi erano lo
sviluppo di organizzazioni giovanili di carattere militaresco, campagne a
favore della natalità, manifestazioni a favore delle conquiste coloniali,
espansione dell’edilizia popolare e di grandi infrastrutture. A seconda del
pubblico di riferimento, i propagandisti incaricati di promuovere queste
iniziative adottavano stili molto differenti: il ricorso a fotomontaggi
avanguardisti si alternava a iconografie imperiali di gusto classicheggiante. A
rafforzare questo controllo sulla vita quotidiana vi era inoltre una moltitudine
di propaganda “soft”, costituita da gare atletiche sponsorizzate dallo stato,
concorsi artistici, e commissioni pubbliche per la realizzazione di monumenti
e opere d’arte nell’edilizia del regime. Queste iniziative attiravano una
miriade di atleti, artisti e intellettuali nell’orbita del fascismo, favorendo al
contempo la percezione che il regime promuovesse una libera creatività.
Infine, il governo fascista pubblicizzava il proprio operato attraverso una
serie ininterrotta di mostre e fiere, destinazione prescelta per le gite fuori
porta organizzate dai circoli ricreativi “dopolavoro” controllati dal regime.
Alla fine degli anni Trenta, un’ intera generazioni di giovani italiani era di
fatto cresciuta sotto il costante influsso della propaganda e degli organi di
regime.
“AL DI LÀ DEI CONFINI NAZIONALI”
La macchina propagandistica di uno stato totalitario non si limita a prendere
di mira i propri cittadini; al contrario, tenta frequentemente di esibire le
proprie conquiste e ideologie su scala globale. L’Italia fascista non era
indifferente al teatro politico internazionale e coltivava attentamente la
propria immagine all’estero attraverso iniziative accattivanti che potessero
rappresentare la cultura e la potenza militare-industriale dello stato, come
mostre d’arte itineranti e trasvolate aeree intercontinentali. Gli sforzi
propagandistici del regime fascista si rivolgevano spesso agli Stati Uniti, sia
per incoraggiare buone relazioni diplomatiche tra i due paesi, sia per
avvicinare la grande comunità di emigrati italiani alle politiche del regime.
L’ultimo tentativo fascista di raggiungere un pubblico internazionale fu
l’Esposizione Universale Romana, progettata ma mai realizzata. Conosciuta
col nome in codice E42, l’esposizione avrebbe portato visitatori
internazionali nel quartiere-modello dell’EUR, progettato per coniugare
l’architettura classica e monumentale con le linee moderne e austere
dell’architettura razionalista italiana.
__________________
PROPAGANDA
The Art of Political Indoctrination
Opere dalla Fondazione Massimo e Sonia Cirulli
5 marzo – 17 aprile 2020
A cura di Nicola Lucchi, CUNY Queens College
Consulenti NYU: Ruth Ben-Ghiat; Valentina Castellani; Ara Merjian
Inaugurazione mercoledì 4 marzo dalle18:00 alle 20:00
Casa Italiana Zerilli-Marimò
New York University
24 West 12th Street New York, NY
http://www.casaitaliananyu.org

Orari:
Orari di apertura: dal lunedì al venerdì, 10:00-18:00
Ufficio stampa
Maria Chiara Salvanelli Press Office & Communication
Maria Chiara Salvanelli | mob +39 333 4580190 – email
mariachiara@salvanelli.it
Valeria Frisolone | mob + 39 334 3523916 – email
valeria.frisolone@salvanelli.it

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.